Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La ripartenza dei negozi di toeletta nella fase due: "Non abbiamo contatti con le persone, potevamo aprire prima"

Siamo andati in un negozio di toeletta per cani e gatti nella zona di Roma Est per vedere come procede il lavoro a una settimana dall'avvio della fase due

 

Alla sala d’aspetto sono state rimosse le sedie. Sul banco della cassa è comparso il gel disinfettante e il pos è stata avvolto nella pellicola protettiva. A parte queste novità il negozio di Luca Bufalino a Villaggio Prenestino, nella zona est di Roma, non ha visto enormi cambiamenti. Compresa la sterilizzazione dei locali e degli attrezzi di lavoro tra un ciente e l'altro.

Tanto da fargli constatare che avrebbe potuto aprire anche prima del 4 maggio, data in cui anche grazie ad un’ordinanza regionale, ha potuto riaprire la sua attività dopo due mesi. “Non ho contatti diretti con il proprietario dell’animale, me lo consegna e viene a riprenderlo quando il lavoro è finito - spiega Bufalino -. L’attenzione nel non fare incontrare i clienti tra una toeletta e l’altra porta a prendere appuntamenti molto più dilatati nel tempo ed ho quantificato una riduzione di circa il 40% del lavoro. Per questo avevo deciso di dilatare i tempi di lavoro, rinunciare anche al turno di riposo, ma l’ultima ordinanza comunale purtroppo ci mette dei freni imponendo degli orari precisi".

Luca accoglie un bellissimo barboncino di nome Sammy: “Non lo vedo da più di due mesi e purtroppo dovrò fargli una rasatura molto corta con tutti i disagi che rischia di vivere il cane nel periodo estivo - sottolinea -. Molti cani hanno bisogno della toeletta di frequente, ne vedo arrivare molti in condizioni difficili. Per non parlare di chi soffre di dermatiti o necessitava di un lavaggio terapeutico. Tutto lavoro che, in un modo o nell’altro, è andato a pesare sui veterinari”.

La voglia di rimettersi in sesto prevale certamente sulla fatica di riuscire ad accontentare tutti i suoi clienti: “Sono stati mesi difficili perché a fronte di più di tremila euro di spese tra affitti e bollette ho avuto entrate pari a zero - racconta Luca -. Diciamo che gli aiuti sono stati davvero pari a zero”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento