Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

VIDEO | San Giuseppe dei Falegnami un anno dopo il crollo, 7 mesi alla riapertura della chiesa degli sposi

L’apertura straordinaria del cantiere interno alla chiesa “degli sposi” ad un anno esatto dal crollo del tetto

 

Nuova copertura, la prima fase dei lavori ultimata con il tetto, il prezioso cassonettato in fase di restauro e che tornerà sul soffitto della chiesa per le celebrazioni di Natale. San Giuseppe dei Falegnami si presenta così ad un anno dal crollo. Lavori che sono andati velocemente e che termineranno definitivamente, con la consegna della chiesa alla città, il prossimo 19 marzo in occasione di San Giuseppe

“Dal 3 giugno ad oggi sono state realizzate e giustapposte le due nuove capriate in sostituzione di quelle collassate – sottolinea il progettista e direttore dei lavori Alessandro Bozzetti –, mentre è stato possibile conservare, mediante l’inserimento di alcuni elementi, le strutture ancora in situ che sostengono la parte del cassonettato rimasto in opera. È stata poi realizzata tutta l’orditura secondaria della copertura, compreso il posizionamento di un sistema di isolamento termico, che permette di controllare il microclima del sottotetto e tenere i valori di temperatura e umidità all’interno di un definito intervallo, ideale per la migliore conservazione del legno delle strutture delle falde e del cassettonato”

A pochi giorni dal crollo, i tecnici dell’Ufficio edilizia di culto e beni culturali hanno predisposto e seguito le attività di sgombero delle macerie, messa in sicurezza e il contestuale riconoscimento, recupero e catalogazione delle parti lignee del cassonettato e della struttura di copertura crollate; operazioni svolte sotto l’alta sorveglianza della Soprintendenza Speciale Archeologica Belle Arti e Paesaggio di Roma, e secondo le indicazioni della Procura di Roma, che ancora oggi sta svolgendo le sue attività. Contemporaneamente tutti i frammenti lignei del cassettonato recuperati sono stati puliti, consolidati, trattati con sostanze antiparassitarie e censiti per definirne l’esatta ricollocazione, anche grazie all’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro che, nel mese di luglio, ha eseguito un cantiere scuola con alcuni studenti del secondo anno provenienti dalla sede di Matera.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento