Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Scuola: bullismo e droga, ragazzi a lezione dai carabinieri

Circa 400 gli scolari che hanno incontrato i Carabinieri nell'ambito del progetto 'Formazione della cultura della Legalità'

 

[fonte agenzia DIRE] - Se uno studente prende una matita di un compagno si tratta di un piccolo furto. Una presa in giro insistente, senza che nessuno lo dica alla maestra, è un velato atto di bullismo. Piccoli messaggi, per aprire a giovani occhi i grandi temi, quelli che i Carabinieri della Compagnia Casilina hanno portato questa mattina agli studenti della scuola primaria 'Damiano Chiesa' di via Marco Decumio, al Quadraro. 

Circa 400 gli scolari che hanno incontrato i Carabinieri nell'ambito del progetto 'Formazione della cultura della Legalità'. A fare da cornice, alcune delle musiche più famose del cinema per ragazzi suonate dalla Fanfara dell'Arma che ha scaldato gli animi di bambini e maestre. Un entusiasmo culminato con l'inno di Mameli applaudito e cantato in coro. 

Non solo musica però, nell'iniziativa di oggi i ragazzi delle quinte hanno incontrato i Carabinieri per affrontare i temi sensibili dell'età evolutiva: il bullismo, le sostanze stupefacenti, l'educazione stradale e le insidie del web. Grandi problemi che poggiano le radici nell'infanzia fatta di episodi a cui spesso non si dà importanza e che invece possono rappresentare semi di questioni che in futuro potrebbero rivelarsi piu' serie, come ad esempio il bullismo. 

"Vittima, bullo, spettatori", raccontano i Carabinieri ai ragazzi del futuro, "tutti hanno un ruolo e spesso sono proprio gli spettatori che denunciando riescono ad aiutare sia la vittima che il bullo". No all'indifferenza, chi denuncia salva: questo è il messaggio. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento