È nato Andrea, il primo bambino venuto alla luce all'Ospedale dei Castelli

Il Direttore Generale Mostarda: "Auguri alla famiglia e a tutti gli operatori della nuova struttura"

Fiocco azzurro al nuovo ospedale dei Castelli Romani dove è nato Andrea, primo bimbo venuto alla luce nel nuovo nosocomio di Ariccia. La lieta notizia da parte del Direttore Generale Narciso Mostarda: "Questa notte alle ore 4.09, con parto spontaneo, è nato Andrea, il primo bambino venuto alla luce all'Ospedale dei Castelli. E' bello e sano, e pesa 3,790 kg. Faccio gli auguri ai neo genitori e ringrazio tutta l'équipe, le ostetriche Clara Scalzi e L. Luciani, la ginecologa M. Noto, la pediatra Cavalieri e la ausiliaria Paola Petrucci". 

"Non potevamo cominciare questa avventura in modo migliore - conclude Mostarda -. Auguro un buon lavoro a tutti gli operatori del nuovo ospedale, che hanno fin dall'inizio creduto in un'impresa che ad alcuni sembrava impossibile. La nave è salpata e siamo felici di avere dato l'opportunità alla comunità dei Castelli, dopo tanta attesa, di usufruire di un nuovo ed efficiente servizio per la salute".

Gli auguri per l'arrivo di Andrea anche da parte del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti che su twitter scrive: "Ben arrivato Andrea il primo bambino nato al nuovo ospedale dei Castelli Romani. Auguri alla mamma e al papà. Grazie a tutti gli operatori della sanità del grande sforzo per l'avvio dell'ospedale. Ogni giorno un passo avanti per nuova sanità".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento