Bioparco, arrivano i pinguini. Protestano gli animalisti: "Trasferiteli nel loro habitat"

Il 28 dicembre il Bioparco apre la nuova area che ospiterà i pinguini del Capo. Dura reazione degli Animalisti italiani: "Siano riportati nei centri di recupero in Sudafrica"

Foto di Massimiliano Di Giovanni

Da venerdì 28 dicembre al Bioparco viene inaugurata una nuova area. Al suo interno saranno ospitati alcuni esemplari originari del Sudafrica: i pinguini del Capo. 

La promozione natalizia

Per far conoscere la specie al pubblico, è stata attivata anceh una promozione speciale: prezzo dimezzato per gli adulti che acquisteranno un biglietto tra il 28 ed il 6 gennaio. Seguendo la stessa modalità anche i bambini potranno usufruire di uno sconto: si entra con 8 euro anzichè i 13 previsti per i minori più alti di un metro.

La protesta degli animalisti italiani

L'arrivo dei pinguini è stato però duramente contestato dagli Animalisti italiani preoccupati perchè sono esemplari di una specie a rischio. "Con questa scelta scriteriata il primo cittadino tradisce l'impegno preso con gli animalisti sulla dismissione dello zoo, denominato ‘Bioparco', estensione del già esistente Centro recupero animali" osserva Walter Caporale, presidente di Animalisti Italiani onlus.

La richiesta di trasferimento in Sudafrica

Secondo l'associazione animalista infatti " la salvaguardia di una specie non è nella cattività, ma nel saper restituire alla natura animali che sono stati gradualmente riabituati al loro ambiente – dichiara Caporale -  Gli zoo non hanno nessuna portata educativa, si tratta solo di una ridicolizzazione di esseri viventi". La conclusione è coerente con la premessa: "Chiediamo con forza che i pinguini dai piedi neri vengano rapidamente trasferiti in Sudafrica dove esistono centri di recupero adeguati ai loro bisogni etologici".
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (11)

  • Anche no oltre a essere diseducativo a tutti animali tenuti dentro al Bioparco è una forma di maltrattamento non essendo poi nel loro habitat

    • La sua esigenza sembra quella di stampo animalista radical-chic che si contrappone ad una definizione del giardino zoologico che tutela le specie in via di estinzione oltre che rendere una funzione sociale ed educativa nel conoscere e studiare alcune specie animali di norma difficilmente raggiungibili nei loro habitat naturali

  • Il Bioparco non è un luogo di formazione, è un luogo profondamente diseducativo per bambini e adulti. Non si impara ad amare gli animali guardandoti rinchiusi nelle gabbie. Il Bioparco, inoltre, rappresenta da sempre un dispendi per le tasche dei cittadini romani. Non voglio come cittadina romana finanziare il Bioparco che, a tutti gli effetti, è uno zoo

    • quindi anche gli acquari sono da eliminare...

      • Certo, anche se, in parte, trovo che bisogna spendere energie per combattere per cose molto più gravi che questa come per esempio, la ripresa da parte del governo giapponese, della caccia alle balene che io trovo davvero aberrante dato che il 90% degli stessi giapponesi, sono contrari. Il Bioparco non è diseducativo per certi aspetti se ci pensiamo bene

  • Non si capisce perché il Bioparco debba essere dismesso, quando altre capitali ne hanno di migliori del nostro. Tra l'altro è un luogo di rilevante importanza pedagogica dove poter portare soprattutto i bambini, pur con tutto il rispetto che meritano gli animali, soprattutto quelli in via di estinzione.

  • Sti animalari hanno proprio stufato! Andassero a vivere con gli animali almeno saranno felici e non ci romperanno più le balle! Gli animali non vanno confusi con gli esseri umani.

    • Neanche tu andresti confuso con gli esseri umani... Difendere la Natura significa difendere il futuro della razza umana... ma questo forse tu non lo puoi capire.... Detto questo il Bioparco è un istituzione meritoria che svolge una funzione propedeutica e pedagocica verso l'Ambiente...

      • Lo zoo il circo le carrozzelle di Roma la caccia la pesca la carne il pesce ecc ecc siete malati!

        • mi sa che antonio c'ha proprio ragione...

          • E ha ragione sì. Gli animalisti a volte esagerano ma, le loro lotte in parte, possono contribuire al miglioramento della vita anche per noi esseri umani perché, non dimentichiamo che anche noi, specie umani, che ci piaccia o meno, siamo animali, dell'ordine dei Primati e della famiglia degli Ominidi

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Spartiamoci questi soldi": così Marcello De Vito voleva passare all'incasso

  • Politica

    Arresto De Vito, Berdini: "Raggi si assuma la responsabilità delle sue scelte politiche"

  • Politica

    Arresto De Vito, dallo Stadio agli ex Mercati Generali: ecco le operazioni urbanistiche della "Congiunzione astrale"

  • Cronaca

    "La Polizia mi ha sequestrato", poi dà testate al muro e aggredisce agenti per evitare arresto. Il video

I più letti della settimana

  • Presidente cinese a Roma: dal 21 marzo strade chiuse e una doppia 'green zone'

  • Ciclista morto sui binari del tram: addio a Valerio Nobili, medico luminare del Bambino Gesù

  • Borghesiana: sorpasso azzardato con l'auto rubata, cinque feriti. Tre sono gravi

  • Paura a Grottaferrata: bus Cotral finisce in una scarpata. Sette feriti

  • Ora legale nel 2019: quando spostare le lancette

  • "No a perquisizioni razziste sul bus": il cartello sulle pensiline Atac contro le forze dell'ordine

Torna su
RomaToday è in caricamento