E’ morto Pietro Migliaccio, nutrizionista dei salotti tv e medico “in famiglia” di Labaro

Il professore si è spento in seguito ad un malore improvviso, è stato pioniere della divulgazione scientifica sul tema della sana alimentazione. Per oltre 40 anni medico di base nella borgata di Labaro

E’ morto Pietro Antonio Migliaccio: famoso dietologo e nutrizionista, tra i pionieri della divulgazione scientifica sul tema della sana alimentazione. Il professor Pietro Migliaccio era anche volto noto della tv: numerose le presenze all’interno delle trasmissioni per parlare e dare consigli su corretta alimentazione e salute. Più che nota la sua rubrica all’interno del programma I fatti vostri di Rai Due. 

E’ morto Pietro Migliacco: il medico dei salotti tv

“Con immenso dolore diamo il triste annuncio dell'improvvisa scomparsa del caro prof. Pietro Migliaccio” – si legge sul profilo social del medico. 

Migliaccio, nato a Catanzaro nel ‘34, si è spento ieri sera in seguito ad un malore improvviso. Come al suo solito aveva lavorato sino a tardi nel proprio studio. 
Docente in Scienza dell'alimentazione e specialista in Gastroenterologia, il prof. Pietro Migliaccio era anche presidente emerito della Società italiana di Scienza dell'Alimentazione. 

Roma ricorda Migliaccio: il noto medico nutrizionista

Tantissimi i messaggi di cordoglio. “La scomparsa del professor Pietro Migliaccio lascia un vuoto immenso: 50 anni di consuetudini familiari, affetto, amicizia, assistenza professionale e tanti momenti meravigliosi vissuti insieme” – ha scritto sul proprio profilo Facebook Barbara Palombelli

“Una persona di grande umanità, oltre che eccellente professionista dell'alimentazione” – il messaggio di Francesco Storace su Twitter. 

Tantissimi anche i pazienti che hanno voluto rivolgere parole di stima per il professore e di vicinanza alla famiglia. 

“Una perdita immensa, un uomo straordinario” – scrive Dina. “Mi dispiace tantissimo, era professionale e umano” – il messaggio di Maria. “Oltre alla competenza del medico un cuore d'uomo difficilmente riscontrato nel mondo della sanità. Condoglianze alla famiglia” – aggiunge Roberta. 

Pietro Migliaccio: il medico “in famiglia” di Labaro

A piangere il professor Pietro Migliaccio è anche il quartiere di Labaro, dove il professore per oltre quarant’anni è stato medico di base. Nei primi anni ’60 lo studio in via Giovanni Aretusi, poi quello in via Giangiacomo Caraglio: pochi metri quadri di competenza e umanità.

Migliaccio nel quartiere è stato un punto di riferimento per tutti. “Era il classico medico di famiglia, una persona di fiducia. Sempre disponibile, senza orari e infaticabile” – raccontano alcuni dei sui pazienti di Labaro. E ancora: “Una persona gentile, di quella gentilezza di altri tempi che sarebbe così bello tornasse a essere di tutti. Un bravissimo medico che non ha mai perso la sua grande umanità e l'amore per la sua professione” – aggiunge Daniela. 

Per la borgata un vero e proprio medico “in famiglia”. Nonostante la carriera brillante e i numerosi impegni medici ed accademici Migliaccio non ha mai abbandonato la “sua” periferia: quella in cui ha cresciuto e curato intere famiglie, generazioni. “Per noi sarà sempre Migliaccio, il medico della ‘mutua’.” – aggiunge Elvira, anziana del quartiere. 

I funerali del prof. Pietro Migliaccio si svolgeranno sabato 18 gennaio alle ore 10.30 presso la Basilica di Santa Croce al Flaminio in Via Guido Reni, 2. La camera ardente rimarrà aperta domani 17 gennaio dalle ore 12 alle ore 16 presso il Policlinico Umberto I.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: tram, bus e metro a rischio lunedì 24 febbraio. Orari e fasce di garanzie

  • Coronavirus, ordinanza di Raggi: stop a tutti i concorsi pubblici a Roma

  • Blocco traffico Roma: domenica 23 febbraio niente auto nella fascia verde

  • Domenica blocco auto a Roma: chi può circolare domani 23 febbraio

  • Blocco traffico: a Roma oggi domenica senza auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Perde zainetto sul bus e lancia appello: "Offro ricompensa a chi lo trova. Ci sono documenti medici"

Torna su
RomaToday è in caricamento