Piano Sampietrini, stanziati oltre 4 milioni per rifare il look di via Nazionale

Dai 950 metri della strada saranno rimossi i sampietrini, che sopravviveranno solo a lato del marciapiede. Lavori da concludersi entro nove mesi dalla data di consegna

I sampietrini di via Nazionale

Cambia pelle una delle strade più trafficate e turisticamente apprezzate della Capitale. Il secondo step del cosiddetto “Piano Sampietrini”, presentato dalla Sindaca Raggi nell’estate del 2019, prevede infatti una radicale trasformazione di via Nazionale.

Una strada molto trafficata

Il Campidoglio ha stanziato circa 4,3 milioni di euro per rimuovere i sampietrini dai 950 metri lineari che caratterizzano la lunghezza di via Nazionale.  La sede stradale, in condizioni normali, quindi non in questa fase caratterizzate ancora dalle limitazioni imposte per contenere il nuovo Coronavirus, è fortemente interessata da flussi veicolari pubblici e privati. Il traffico si concentra soprattutto nelle ore di mattina e di sera. E, com'è stato sottolineatoanche nella relazione tecnica che accompagna il bando, vede una “significativa presenza di veicoli pesanti” nella fattispecie rappresentati dagli  “autobus per il trasporto pubblico locale”. 

Ammaloramenti e sicurezza stradale

I flussi veicolari hanno sottoposto la pavimentazione stradale ad ammaloramenti che si sono accentuati nel tempo e che hanno comportato, si legge sempre nella relazione tecnica del bando “la formazione di ormaie ed avvallamenti su parecchi tratti che pregiudicano la sicurezza del traffico”. Da qui la necessità d’intervenire per ripristinare condizioni adeguate di circolazione. La modalità seguita, è quella che ha caratterizzato anche i cantieri già partiti su via IV Novembre.

Rimozione dei sampietrini

In via Nazionale si procederà alla rimozione dei sampietrini dalla sede stradale. Sono posizionati su una base sabbiosa sotto la quale è presente una soletta in calcestruzzo di circa 20 centimetri. L’intervento prevede la sostituzione di entrambe gli strati con nuovi materiali ed il posizionamento, al posto dei blocchetti di porfido, di un tappetino d’asfalto. I sampietrini sopravviveranno, ma saranno posizionati unicamente lungo i due marciapiedi.

I lavori previsti

Il progetto prevede che i cubetti di porfido siano sistemati “ai lati della carreggiata” per una “larghezza di cinquanta centimetri”. La ditta che, presentando la propria offerta entro il 12 maggio 2020, si aggiudicherà la gara, dovrà provvedere all’ “integrazione del sistema di drenaggio delle acque di piattaforma esistente tramite l’inserimento di caditoie a bocca di lupo e a griglia” ed al ripristino dei tratti di marciapiedi ammalorati. I cantieri avranno complessivamente una durata di 270 naturali e consecutivi che saranno determinati a partire dalla consegna dei lavori. Per apprezzare il nuovo look di via Nazionale, quindi, bisognerà pazientare. Non se ne parla prima del 2021.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 3635 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 16 nuovi contagiati: nel Lazio sono 3786 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 15 nuovi contagiati: sono 3637 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento