Parco dell'Appia Antica, riaprono le aree archeologiche: ingresso gratis fino a settembre

Tornano accessibili le aree archeologiche del parco dell'Appia Antica. Laddaga (Archeomitato): "Consiglio ai romani di approfittare per visitarle ora, senza turisti"

La quarantena per il Parco Archeologico dell’Appia Antica è terminata. A causa del nuovo Coronavirus è rimasto chiuso per oltre tre mesi. Per tutto questo tempo i tesori che custodisce nei musei e nelle aree archeologiche, sono stati interdetti. Ora il pubblico potrà rifarsi perché, dal 24 giugno, gli ingressi sono tornati ad essere consentiti. 

Visite gratuite

C’è una novità di cui vecchi e nuovi visitatori potranno approfittare. Fino al 13 settembre tutti i siti del Parco, compreso  il Mausoleo di Cecilia Metella e la Villa dei Quintili, saranno ad ingresso gratuito. Le aree sono state allestite per gestire l’afflusso di pubblico nel rispetto delle normative anti covid. Dispenser di gel igienizzante sono stati sistemati all’interno dei siti, insieme alla cartellonistica ed alla segnaletica che invita a mantenere il distanziamento sociale.

Un risarcimento per la quarantena

“Sarà un modo per risarcire la cittadinanza delle privazioni che ha vissuto nel corso del lockdown, di ampliare e diffondere la conoscenza di spazi culturali di grandissima valenza storico-identitaria, spesso ancora sconosciuti agli stessi abitanti della città di Roma” fanno sapere dal Parco Archeologico dell’Appia Antica.

I monumenti ed il lockdown

La notizia è stata accolta con entusiasmo. “Abbiamo già fatto i complimenti al direttore Simone Quilici per quest’iniziativa – ha commentato Francesco Laddaga, presidente della rete Archeomitato – durante la quarantena ci siamo resi conto non solo di quanto possano mancarci gli affetti, ma anche di quanto sia triste dover rinunciare a cose che diamo troppo spesso per scontato, come i nostri monumenti”.

Un'opportunità per i romani

Da ora i romani avranno l’occasione di  recuperare il tempo perduto. “In questo periodo non ci sono i turisti. E questo sicuramente rappresenta un danno per la città, ma può anche essere un’opportunità incredibile per i romani. Adesso si ha infatti la possibilità di apprezzare il nostro patrimonio storico ed archeologico senza folla” ha commentato Laddaga. E’ senz’altro un’occasione da cogliere per visitare il Mausoleo di Cecilia Metella, le Tombe Latine, la Villa dei Quintili e tutte le aree archeologiche che rendono unico il parco dell’Appia Antica. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi contagi, altri 8 a Fiumicino. Sono 827 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma città tre nuovi casi: trend in calo per i pazienti in terapia intensiva

Torna su
RomaToday è in caricamento