Manifesti omofobi rimossi, le associazioni: "Raggi ha obbedito agli ordini di lobby lgbt"

Dopo l'ordine della Raggi, dura presa di posizione delle associazioni Pro Vita e Generazione Famiglia

Non l'hanno presa bene le associazioni Pro Vita e Generazione Famiglia, promotrici dei manifesti omofobi dei quali ieri la sindaca Virginia Raggi ha chiesto la rimozione. Due uomini, con un carrello davanti e all'interno un bambino in lacrime con un codice a barre sul petto. Quindi lo slogan: "Due uomini non fanno una madre". 

Tanto è bastato per scatenare polemiche che hanno trovato terreno fertile in Virginia Raggi che ieri in serata ha ordinato la rimozione. Oggi le associazioni hanno vergato una nota molto pesante, diretta alla sindaca di Roma. "Cara Virginia Raggi, dopo aver trascritto in modo illegale gli atti di nascita di bambini con genitori dello stesso sesso, hai obbedito agli ordini della Cirinnà via twitter – che ti ha dettato di richiamare il codice etico di #RomaCapitale – e alle lobby Lgbt".

"Caro sindaco, ti diciamo noi chi è il vero offeso del manifesto", attacca Antonio Brandi, presidente di Pro Vita. "È il bambino, messo in vendita per coppie gay», prosegue, «e destinato a essere strappato dalla madre che lo ha partorito". Per Jacopo Coghe, presidente di Generazione Famiglia, "i bambini non sono prodotti. Roma sprofonda nel degrado e le priorità del Sindaco sono le trascrizioni illegali all’anagrafe dei “figli di coppie dello stesso sesso” e la rimozione coatta di manifesti che stigmatizzano una pratica, quella dell’utero in affitto, illegale in italia. È totalitarismo LGBT".

"Denunciamo con forza", hanno concluso Brandi e Coghe, "che in Italia si è liberi di reclamizzare la maternità surrogata come ha fatto Vendola la scorsa settimana a Matrix, pratica vietata dall’art. 12 della legge n. 40 del 2004 e punita come reato con la reclusione fino a due anni e con la multa fino ad un milione di euro, mentre si cancellano le voci di libertà che mirano a rimettere al centro la dignità dei bambini, il loro diritto ad avere una mamma e un papà e la dignità delle donne, usate come incubatrici". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Rischia di soffocare in un'osteria a Peschici: salvato da un turista romano

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

Torna su
RomaToday è in caricamento