Le maglie dei campioni del calcio all'asta per le mamme rifugiate

L'iniziativa di beneficenza, organizzata dalla casa editrice “Il Cigno GG Edizioni”si terrà il prossimo 6 novembre

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Il calcio scende in campo per le ragazze madri rifugiate. In occasione dell'asta di beneficenza promossa dalla casa editrice “Il Cigno GG Edizioni” per i suoi 50 anni di attività, verranno battute da Christie's le maglie autografate dei campioni della Roma Totti, De Rossi, Florenzi e Džeko. L'appuntamento è il prossimo 6 novembre, alle ore 20, nei Musei di San Salvatore in Lauro a Roma. La serata, in cui verranno messe all'asta anche decide di opere di grandi artisti tra cui Arnaldo Pomodoro e Giacomo Manzù, sarà presentata dall’ambasciatrice Unesco Francesca Merloni e dall’attore e regista Gianmarco Tognazzi. 

Il ricavato della serata verrà devoluto interamente al progetto “Ragazze madri, cuciamo loro un futuro” promosso da “Alliance for African Assistance”, associazione impegnata tra Italia, Stati Uniti, Regno Unito e Uganda nel fornire assistenza a rifugiati, sfollati, immigrati, richiedenti asilo, vittime di torture e della guerra, donne in difficoltà, bambini e tutti coloro che soffrono di disagio economico. Ragazze madri arrivate in Italia da Senegal, Niger, Nigeria, Mali, Pakistan e Afghanistan, che fanno fatica a trovare un lavoro e a mantenere se stesse e i loro figli, potranno così frequentare un corso professionalizzante di taglio e cucito per diventare sarte.

“Vogliamo aiutare soprattutto le ragazze madri in difficoltà, che hanno il diritto di far crescere i propri figli in un contesto socio-economico meno precario e problematico”, spiega Lorenzo Zichichi, presidente della casa editrice “Il Cigno GG Edizioni”, fondata nel 1968 come stamperia d'arte per edizioni di pregio e impegnata nella promozione di mostre d'arte ed eventi artistico-culturali in diverse città del mondo.  “Ci ripromettiamo di aiutare un numero considerevole di donne, grazie anche alla generosità dei nostri amici, che sono gli artisti, gli autori, i collezionisti, i clienti, i fornitori che sostengono e frequentano la nostra Casa Editrice. Il futuro dell’Italia – continua il presidente – è nelle prossime generazioni ed è anche nostro compito permettere che i giovani meno fortunati possano avere la dignità che solo il lavoro può dare”.

Torna su
RomaToday è in caricamento