Locanda dei Girasoli, migliaia di romani ricordano a Raggi la promessa fatta in tv: salvare il ristorante

In una telefonata alla trasmissione Portobello la Sindaca aveva annunciato il proprio impegno a trovare una soluzione. Attivata una raccolta firme per chiederle di mantenere la promessa. In poche ore migliaia di adesioni

Il rischio chiusura, per la Locanda dei Girasoli, ancora non è stato sventato. La solidarietà ricevuta dalla società civile, non è stata sufficiente a risollevare le sorti del ristorante che fa lavorare 11 persone con disabilità intellettiva.  E l'impegno annunciato dalla Sindaca, non si è ancora tradotto in nulla di concreto.

La promessa e la richiesta

Intervenendo nella trasmissione televisiva Portobello andata in onda l'8 dicembre 2018, Virginia Raggi aveva dichiarato la personale adesione alla causa. "Volevo confermare che il vostro progetto è serio e offrire il nostro sostegno. E mi impegno anche io – aveva aggiunto in diretta televisiva – a trovare una soluzione per quanto possibile". La richiesta di chi gestisce il ristorante è sempre la stessa. Serve una nuova sede che sia più raggiungibile rispetto all'attuale. Magari in un locale di proprietà comunale a cui, il Consorzio che dal 2013 gestisce il ristorante, pagherrebbe un congruo affitto. Ma questo locale non è ancora stato individuato ed a distanza di un mese dall'intervento alla trasmissione condotta da Antonella Clerici, la situazione è rimasta invariata.

La raccolta firme

Per non far abbassare i riflettori sulla vicenda, Carlo Tagliabue, papà di una ragazza con disabilità che lavora alla Locanda, ha lanciato una petizione online. In appena dodici ore oltre duemila persone hanno accettato di sottoscriverla. "A dicembre abbiamo chiesto alle istituzioni ed ai cittadini di salvare questo progetto aiutandoci a cercare una nuova sede più idonea. La risposta della società civile è stata entusiasmante – ha spiegato il signor Tagliabue - abbiamo avuto molte dimostrazioni di solidarietà che ci hanno fatto sentire meno isolati. Non abbiamo invece avuto risposte dalle istituzioni, nonostante gli impegni presi sui media ed in televisione".

Da qui la richiesta di sottoscrivere la petizione, per ricordare alla Sindaca l'impegno preso. Nella raccolta firme, che punta a 20mila adesioni, si torna a chiedere alla sindaca " tra i tanti immobili del Comune, di trovare una proposta adeguata a dare continuità a questo progetto di lavoro e di autonomia per i nostri ragazzi".

La tirata d'orecchie

L'assenza di soluzioni, soprattutto dopo l'annuncio fatto in tv, si sta traducendo in un boomerang. Insieme alla società civile cominciano a mobilitarsi anche le forze politiche d'opposizione. "Chiediamo alla sindaca se quando ha dichiarato di voler aiutare la Locanda dei Girasoli nell'ambito della trasmissione Portobello sulle reti nazionali scherzava oppure diceva l'ennesima bugia, perchè ad oggi nessuna telefonata è mai arrivata e nessun segnale è stato dato dalle Istituzioni" hanno ricordato il consigliere comunale Giovanni Zannolla (PD) e l'ex presidente della commissione capitolina alle Poliche sociali Erica Battaglia (PD).

I due, nell'unirsi alla petizione, hanno chiesto "alla  Sindaca e alla sua Giunta di onorare gli impegni presi pubblicamente. I ragazzi e le ragazze della Locanda, e le loro famiglie, non meritano questo silenzio".

Un ristorante da frequentare 

Per mantenere in vita il progetto che impiega persone con sindrome di down e autismo, bisogna riempire il ristorante tutti i giorni. "Lavorando su un solo turno - aveva spiegato a Romatoday il presidente del Consorzio che dal 2013 lo gestisce - non riusciamo ad andare in pareggio, perchè siamo penalizzati dall'attuale ubicazione". Via dei Sulpici 117h si trova infatti all'interno del Quadraro, in una zona tutt'altro che di passaggio. Il principale problema del ristorante è infatti quello di non avere abbastanza clienti durante la settimana. Da qui l'esigenza, altre volte manifestata nel corso degli anni, di trovare uno spazio più centrale e quindi anche più facilmente raggiungibile. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • il sociale non è nel suo DNA

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Roma, il vento sferza la Capitale: alberi caduti e auto schiacciate. Colosseo chiude in anticipo

  • Cronaca

    Tragedia a Guidonia: crolla albero e travolge vettura, morto automobilista

  • Cronaca

    Precipita dal tetto a causa del vento e schiaccia il figlio sotto la scala, morto 14enne

  • Attualità

    Metro Repubblica chiusa, il grido disperato dei commercianti: "Stiamo morendo e il Comune non dà segni di vita"

I più letti della settimana

  • Policlinico: la scala mobile si guasta, passeggeri calpestati. Scene di panico in stazione 

  • Venerdì di passione a Roma: corteo e studenti in protesta, strade chiuse e bus deviati

  • Roma, il vento sferza la Capitale: alberi caduti e auto schiacciate. Colosseo chiude in anticipo

  • L'inseguimento, gli agenti accerchiati e i video sui social: pomeriggio di tensione a Tor Bella Monaca

  • Sfilate di carnevale, cortei e maratona: strade chiuse e bus deviati a Roma nel weekend

  • Blocco auto a Roma. Troppo smog, martedì e mercoledì stop ai veicoli più inquinanti nella fascia verde

Torna su
RomaToday è in caricamento