Coronavirus, supermercati chiusi per Pasqua e Pasquetta: la richiesta dei sindacati

Lettera aperta delle federazioni romane di Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs. “Servono sensibilità e comprensione per lavoratori in prima linea dall’inizio dell’emergenza”

Saracinesche abbassate, nei supermarcati, durante i giorni di Pasqua e Pasquetta. E’ questa la richiesta che arriva dai Segretari generali di Roma e del Lazio di Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs.

Un gesto di sensibilità

Le tre federazioni romane dei sindacati confederali, hanno scritto una lettera aperta al governatore Nicola Zingaretti ed a buona parte della sua Giunta. Alla Regione Lazio si sono appellati i Segretari generali di Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs per far chiudere, in occasione delle prossime festività, tutti i supermercati. Una proposta che serve anche a dimostrare “sensibilità e comprensione nei confronti di migliaia di dipendenti”.

La scelta inaccettabile

Per ora la decisione di lavorare anche nei giorni festivi è stata lasciata in mano alle aziende. Ma “ci sono alcuni marchi della distribuzione alimentare che hanno annunciato le aperture dei punti vendita nel Lazio nei giorni di Pasqua e Pasquetta”. E’ una scelta che i sindacati reputano “inaccettabile”. Soprattutto in questo momento. “Chiediamo oggi più che mai sensibilità e comprensione per le migliaia di lavoratrici e lavoratori impiegati nel settore della distribuzione alimentare, in prima linea in questa eccezionale fase emergenziale che il nostro Paese sta vivendo”.

Concorrenza sleale

Non tutti i supermercati hanno deciso di restare aperti anche a Pasqua e Pasquetta.  “Diverse aziende sul territorio – si legge nell’appello firmato dai tre sindacati - hanno già compiuto con senso di responsabilità questa scelta, alla quale riteniamo dovrebbero attenersi tutte le imprese, anche per evitare forme di concorrenza sleale: la continuità del servizio, nel settore della distribuzione alimentare, serve a garantire un servizio necessario alla cittadinanza e non può essere piegata alla logica del profitto a tutti i costi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La riconoscenza per il lavoro svolto

E’ anche grazie a chi, con senso di responsabilità, sta continuando a lavorare nei  supermercati che, durante l’emergenza coronavirus,  non è mai mancato l’approvvigionamento dei beni alimentari. Però “Non sono eroi – hanno rimarcato le tre sigle sindacali – sono lavoratrici e lavoratori che, superando il timore per il contagio proprio e delle rispettive famiglie, continuano a garantire la loro prestazione”. Per tributare loro “il giusto riconoscimento” viene chiesto alla Regione Lazio un intervento dirimente. Per fare in modo, ribadiscono i Segretari generali di Roma e del Lazio di Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs, “Pasqua e Pasquetta restiamo tutti a casa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 3635 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 16 nuovi contagiati: nel Lazio sono 3786 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 15 nuovi contagiati: sono 3637 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento