Coronavirus, famiglia con tre positivi a Fiumicino. Il sindaco Montino: "Chiuse due scuole"

Una è l'elementare frequentata dalla bambina contagiata, l'altra è la media limitrofa. In via precauzionale resteranno chiuse fino al 9 marzo. Inaccessibile anche la piscina comunale

Esterino Montino, sindaco di Fiumicino

A seguito dei tre casi di Coronavirus a Fiumicino, tutti all'interno dello stesso nucleo familiare, si è svolto questa mattina un incontro operativo presso la sede del Comune. Presenti il sindaco Esterino Montino, l'assessore regionale alla Sanità D’Amato, il direttore scientifico dell'ospedale Spallanzani Ippolito, la direttrice sanitaria della Asl Roma 3 Amato. 

"La prima cosa da dire è che non si tratta di un focolaio di Fiumicino", chiarisce il primo cittadino. "La signora – spiega – risultata positiva ai test del Covid-19 ha contratto l’infezione durante la permanenza a Alzano lombardo, in provincia di Bergamo. Positivi sono risultati anche il marito e la figlia di 10 anni, mentre negativo è il figlio di 5 anni. L’intero nucleo familiare, in buoni condizioni di salute, è al momento in isolamento presso l’ospedale Spallanzani di Roma". 

"A seguito delle linee dettate da Regione, Asl e Spallanzani – afferma – si è deciso di chiudere e sanificare fino al 9 marzo a scopo precauzionale la scuola frequentata dalla bambina, ovvero la scuola elementare Rodano. Data la conformazione dell’intero plesso e i tanti punti di scambio al suo interno, saranno chiuse e sanificate fino al 9 marzo anche la scuola media Segré e la piscina comunale attigua".

"I medici e i tecnici della Asl e dello Spallanzani – aggiunge il sindaco – stanno ricostruendo un elenco dei contatti stretti del nucleo familiare, come ha spiegato l’assessore D’Amato. Saranno le autorità sanitarie a contattare personalmente coloro che riterranno siano state le persone più esposte al rischio di un potenziale contagio. Invito tutta la cittadinanza, e in particolar modo le famiglie dei bambini e dei ragazzi che frequentano le scuole in questione o la piscina comunale, a mantenere la calma perché l’equipe dello Spallanzani che segue costantemente il caso è tra le migliori d’Europa. Ricordo che i tre casi presi in cura dallo Spallanzani in queste settimane sono tutti guariti. C’è un protocollo consolidato che ha funzionato e che intendiamo seguire".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Una squadra composta da tecnici della Asl e del Seresmi, il Servizio Regionale per l'Epidemiologia, Sorveglianza e controllo delle Malattie Infettive dello Spallanzani – conclude – sta effettuando una indagine epidemiologica per ricostruire i contatti stretti della famiglia e identificare le persone che saranno sottoposte a sorveglianza attiva, restando nelle loro case e seguendo protocolli sanitari precisi. Queste persone avranno a disposizione anche una App dedicata che permette un monitoraggio in tempo reale. Solo in caso di presenza di sintomi si procederà con il test per il Covid-19. È istituito anche il numero verde regionale 800118800 che fornirà tutte le informazioni necessarie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Morto a 35 anni di Coronavirus, paura tra i colleghi di Emanuele: il call center chiude, la Regione spiega

  • Coronavirus, a Tor Vergata muore un 35enne: non aveva patologie pregresse

Torna su
RomaToday è in caricamento