Coronavirus: 2362 positivi nel Lazio, 73 oggi a Roma. D'Amato: "Trend regionale in calo"

Dodici i decessi di oggi e 201 contagi nuovi sul territorio regionale, ieri erano 210. Resta alta l'attenzione sui cluster delle case di riposo per anziani

Medici in un reparto covid (foto Ansa)

Sono 2362 i malati di coronavirus nella regione Lazio secondo gli ultimi dati forniti dall'assessorato alla Salute. Di questi 1167 sono in isolamento domiciliare, 1062 ricoverati in degenza ordinaria, 133 in terapia intensiva. Sommando poi ai contagiati i 136 pazienti deceduti e le 208 persone guarite, si arriva al totale dei casi trattati da inizio emergenza: oggi 2706, contro i 2505 di ieri.  

I nuovi contagi di oggi

Guardando invece ai singoli dati odierni, si contano 201 nuovi positivi sul territorio regionale, per la prima volta inferiori ai guariti totali. Ieri erano 210. Il trend è in decrescita sotto la soglia del 9%, con uno scenario che appare quasi speculare a quello di sabato: se ieri a pesare sul conto finale erano i contagi nelle case di riposo per anziani fuori dalla provincia di Roma, oggi il dato della Capitale torna alto, anzi, raddoppia rispetto a quello di ieri. Sono infatti 73 i nuovi casi in città, contro i 38 di sabato. 

Di questi, 35 sono sul territorio della Asl Roma 3, 17 provenienti dal cluster della Rsa Villa Giulia, già attenzionata nei giorni scorsi con 18 casi rilevati il 27 marzo. Cresce anche il dato arrivato dalla Asl Roma 2, con 26 nuovi casi (ieri erano 10). Migliora invece il quadro in provincia, con 29 casi contro i 56 di ieri, e anche nei restanti capoluoghi di regione. E migliorano Frosinone, dove oggi si registrano 24 casi (ieri erano 42) e Rieti, stabile a 45 (46 i casi di ieri), i due cluster fin'ora più preoccupanti guardando a tutto il Lazio, e sempre legati ai focolai delle residenze per anziani. 

D'Amato: "Guariti superano positivi giornalieri"

Un dato positivo quel 201 per l'assessore alla salute D'Amato: "Per la prima volta trend in decrescita sotto il 9%". Si conferma, commenta ancora al termine della videoconferenza quotidiana della task force regionale,"l'incidenza dei cluster delle case di riposo con particolare evidenza per la situazione di Rieti che al momento risulta sotto controllo". Su Roma, dove il dato di oggi lo ripetiamo è il doppio di quello di ieri, commenta l'assessore, comunque "il trend (andamento dei tassi di crescita e decrescita percentuali giorno su giorno, ndr) rimane stabile, oggi influenzato dai 17 casi della Rsa di Villa Giulia"

E ancora "per la prima volta il numero dei guariti (208 totali) supera il numero dei nuovi positivi giornalieri". Mentre "sono usciti dalla sorveglianza domiciliare in 7.949 e i decessi nelle ultime 24h sono 12". Per quanto riguarda l'organizzazione delle strutture sanitarie, "dal 1 aprile sarà attivato il COVID Center con 9 posti letto di terapia intensiva presso il Campus Bio-Medico". Insieme "all'A.O. San Giovanni, l'A.O. San Camillo e Genzano entreranno a far parte della rete dei laboratori per il COVID-19 andando così a potenziare la capacità della rete".  

dati covid-2

Il bollettino dello Spallanzani

Rimane stabile il numero di pazienti ricoverati presso l'istituto Lazzaro Spallanzani, centro nevralgico nel Lazio fin da inizio emergenza per il trattamento dei casi di coronavirus e la ricerca su evoluzione e comportamento della malattia. Secondo il bollettino diramato questa mattina, i pazienti positivi oggi sono 212, due in più rispetto al dato di ieri. Di questi, 24 necessitano di supporto respiratorio, uno in meno dei 25 di ieri. "In giornata - è scritto ancora nel bollettino - sono previste ulteriori dimissioni di pazienti asintomatici o paucisintomatici (con pochi sintomi, ndr)". I dimessi e trasferiti in isolamento domiciliare, o presso altre strutture territoriali, sono questa mattina 147. 

La frontiera delle case di riposo

Occhi puntati ancora sulle case per anziani quindi, ultima frontiera da cui combattere la pandemia. Da ieri sono in corso controlli a tappeto sulle strutture di Roma, con la collaborazione della Prefettura, per verificarne la regolarità. D'altronde l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato lo va ripetendo da giorni: "L'attenzione resta massima". Se infatti ieri gran parte degli anziani contagiati in cluster di comunità proveniva da Frosinone e Rieti, oggi anche le cifre di Roma tornano alte: 73 casi, di cui 35 dall'Rsa Villa Giulia, asl Roma 3. 

I numeri della Asl di domenica 29 marzo

Asl Roma 1: 12 nuovi casi positivi. 800 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Attivati ieri 20 posti letto #covid19 al padiglione D dell’Ospedale San Filippo Neri. Ulteriori 10 posti letto di terapia intensiva l’1 Aprile 

Asl Roma 2: 26 nuovi casi positivi. Deceduta una donna di 53 anni oncologica al Pertini. 12 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. All’Ospedale Pertini disponibili ulteriori 32 posti letto da domani, di cui 10 di terapia intensiva 

Asl Roma 3: 35 nuovi casi positivi la maggior parte riferibile al cluster della RSA Villa Giulia. 7 pazienti sono guariti. 858 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. All’Ospedale Grassi si stanno attivando ulteriori 25 posti letto dedicati, di cui 8 di terapia intensiva #covid19, operativo dal 2 Aprile

Asl Roma 4: 15 nuovi casi positivi. 3 decessi: una donna di 96 anni, un uomo di 49 anni e un uomo di 75 anni. 3 pazienti sono guariti. 1083 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare

Asl Roma 5: 8 nuovi casi positivi. Deceduto un uomo di 69 anni con patologie preesistenti. 1266 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. All’Ospedale di palestrina sono stati completati i trasferimenti dei pazienti negativi. In raccordo con l’Istituto Spallanzani entrerà nella rete dedicata a #covid19. A Nerola eseguiti 378 tamponi sulla popolazione

Asl Roma 6: 16 nuovi casi positivi. 5 pazienti sono guariti. 72 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. All'Ospedale dei Castelli saranno attivati ulteriori 7 posti di terapia intensiva #covid19 martedì 31 Marzo. A Genzano parte il laboratorio per il test #covid19 che entra nella rete dei laboratori del sistema regionale

Asl Frosinone: 24 nuovi casi positivi. 2 pazienti sono guariti. Deceduto un uomo di 87 anni con precedenti patologie. 147 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. All’Ospedale Spaziani di Frosinone da domani saranno attivati ulteriori 20 posti letto di degenza ordinaria #covid19

Asl Latina: 9 nuovi casi positivi. Deceduta donna di 72 anni con gravi patologie preesistenti a Formia. 2656 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. All’Ospedale Goretti di Latina da martedì 31 Marzo saranno attivati 9 posti di rianimazione 

Asl Rieti: 45 nuovi casi positivi. 3 decessi: donne di 77, 80 e 95 anni con gravi patologie pregresse. 24 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Attivati ulteriori 18 posti letto e 2 posti di terapia intensiva #covid19 all’Ospedale De Lellis. Continuano i controlli su tutte le Case di Riposo dell’intera provincia

Asl Viterbo: 11 nuovi casi positivi. 1031 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Domani partirà il laboratorio per il test #covid19 a Viterbo. Stanno continuando le verifiche nelle case di riposo del territorio. Ad oggi nessun operatore ha contratto il virus in ambiente ospedaliero 

L'appello da Nerola: "Ora tamponi a tutti"

Resta sotto stretta osservazione anche il comune di Nerola, diventato "zona rossa" dopo i 72 casi di infetti alla casa di cura "Maria Immacolata". Qui sono già oltre 300 i tamponi effettuati sulla popolazione nelle ultime 48 ore.  E sul caso la Regione ha accusato i gestori della struttura per anziani: "Non sono state rispettate le misure di prevenzione fissate a febbraio". Intanto è nato il "laboratorio Nerola", un esperimento su iniziativa comunale e della Asl Roma 4 con la collaborazione di personale qualificato dell'ospedale Lazzaro Spallanzani, che punta a studiare il virus a partire dal campione della popolazione del paesino. Ed è di oggi l'appello al presidente Nicola Zingaretti dalla sindaca del comune, Sabrina Granieri: "Si facciano tamponi a tutti i 1980 abitanti, come fatto a Vo' in Veneto"

Le notizie di oggi

Primi due decessi ai Castelli Romani

Buoni spesa e farmaci: ecco come avverà la distribuzione dei fondi

Il sondaggio: ai romani manca passeggiare

"Spesa sospesa" a Garbatella per i più bisognosi

L'appello da Nerola: "Tamponi a tutti gli abitanti"

Mille mascherine dalla chiesa evangelica cinese

Buoni spesa e farmaci: 20 milioni dalla Regione

Positivo vigile urbano: chiude la sede del VII gruppo Tuscolano

Partorisce al Gemelli madre positiva: il bimbo sta bene

Dentro al covid hospital del San Filippo Neri: le immagini

Lavoratrice positiva nello stabilimento Amazon di Passo Corese

Salgono a 17 i contagiati a Fiumicino

Raggi difende la caccia all'untore

Sospese le tasse per il comparto pubblicitario

Il presidente Atac invita i dirigenti a ridursi lo stipendio

Papa Francesco nella deserta piazza San Pietro

"In ospedale lavoratori pulizie e vigilanza senza protezioni"

Da Termini a Portuense: bagni chimici riservati ai taxi

L'orario ridotto non basta: supermercati chiusi la domenica

Video: l'iniziativa solidale di un sarto della periferia

Nerola zona rossa: isolato il paese

La lista dei ristoranti che consegnano a domicilio 

Bimbo nato al Gemelli da madre positiva

Al capitolo buone notizie, da sottolineare il parto di un bimbo al Gemelli da madre positiva. Il piccolo è in perfetta salute. E poi l'arrivo di nuove mascherine e misure protettive per i medici e il personale sanitario a partire dalla prossima settimana. Ad annunciarlo ancora l'assessore D'Amato, in risposta al presidente dell'ordine dei Medici di Roma, Antonio Magi che aveva sollevato il caso. "Rischiamo di essere i principali untori, proteggerci è fondamentale" ha spiegato Magi, chiedendo più test anche agli asintomatici. "Stiamo chiedendo di fare i tamponi a tutti i medici, il problema è che non ce li fanno". Già, i kit per l'estrazione del dna non sono semplici da reperire al momento. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Apre il Covid hospital al San Filippo Neri

Ha aperto ieri il covid hospital al San Filippo Neri. L'intero Padiglione D dell'ospedale sarà dedicato ai pazienti positivi al coronavirus che necessitano di ricovero ospedaliero, con attivazione dei posti letto progressiva.  Da ieri parte un primo reparto di venti posti letto a bassa e media intensità, cui si aggiungerà dal 1 aprile un reparto totalmente dedicato alla medio-alta intensità con dieci posti letto, e via via si attiveranno altri due reparti di venti posti letto ciascuno. È inoltre presente una radiologia interna al Padiglione con una Tac interamente dedicata ai pazienti covid.

+++articolo aggiornato alle ore 18.50+++

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 3635 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 16 nuovi contagiati: nel Lazio sono 3786 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 15 nuovi contagiati: sono 3637 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento