Tutti in coda per la consegna di un panino: davanti al fast food l’assembramento è di rider

Fuori da un ristorate di via Ostiense una folla folta e disordinata di fattorini, il 'sindacato' Riders Union Roma: "Obbligati da Stato che ci ha negato continuità di reddito"

Locali e ristoranti chiusi, l’obbligo di restare a casa: al tempo del Coronavirus sono tanti i romani che si affidano alle consegne a domicilio con i rider tra quei lavoratori che non hanno mai smesso di svolgere la propria attività anche in piena pandemia

Coronavirus, rider ai tempi della pandemia

Niente consegne, niente guadagni così gran parte dei fattorini – nonostante qualche minaccia di sciopero e la richiesta di un “reddito di quarantena” – hanno continuato a pedalare sulle loro bici, a guidare i propri mezzi per consegnare pasti e beni di casa in casa. 

Le aziende di delivery hanno fornito loro e ai ristoranti che si avvalgono dei rider delle linee guida anticontagio, per qualcuno sono arrivati anche i dispositivi di protezione individuale, in campo poi anche i rider “controllori” incaricati di verificare il rispetto della distanza interpersonale di sicurezza nelle file fuori dagli store, ma la frenesia di garantire il maggior numero di consegne nel minor tempo possibile rischia in alcune occasioni di vanificare tutti gli sforzi. 

Assembramento di rider fuori al fast food

E’ il caso di quanto accaduto qualche sera fa davanti ad un noto fast food di via Ostiense: in strada una lunga coda di rider, una folla folta e disordinata. “Nuovo giorno, nuovo assembramento” – tuonano da Riders Union Roma, un'unione sindacale autonoma composta da ragazze e ragazzi che vogliono far sì che vengano rispettati i diritti fondamentali di ogni lavoratore.

Una scena non nuova per le strade di Roma: due giorni fa nemmeno i nastri hanno potuto contenere la lunga fila di rider davanti ad un altro ristorante della catena di fast food in via Tiburtina. Fuori dall'ingresso la solita folla di giovani con zaini termici in spalla o, in barba all'igiene, poggiati in terra. Il “sindacato” punta il dito contro la presunta “essenzialità” di un panino in un periodo di crisi sanitaria come questo e contro quel “reddito di quarantena” negato ai fattorini. 

Rider assembrati: “Obbligati per garantirci reddito”

“Ciò che sappiamo per certo è che la colpa qui non è dei riders che, per mantenere un punteggio tale da poter guadagnare nelle prossime settimane, sono costretti a lavorare anche in pandemia. I ristoranti stessi, anche i meglio attrezzati, é impossibile che riescano a gestire situazioni di tale portata. Lo Stato – sottolinea Riders Union Roma - avrebbe dovuto farci stare a casa e garantirci un corrispettivo di pandemia. Lo Stato ci ha invece obbligato a stare in assembramenti per lavorare e quindi mangiare e garantirci il lavoro per le prossime fasi”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

Torna su
RomaToday è in caricamento