Coronavirus, al via manutenzioni e pulizie di spiagge e strutture: l'ordinanza della regione

Tra le attività consentite per i balneari l'allestimento e manutenzione delle strutture amovibili di arenili e campeggi

Immagine d'archivio

È possibile per i balneari recarsi in spiaggia non solo per manutenzione e pulizia degli arenili in vista della stagione estiva post emergenza coronavirus, ma anche per effettuare interventi sulle strutture amovibili presenti, anche nei campeggi. 

La Regione Lazio a tal proposito ha emanato un'ordinanza che integra i contenuti di quella pubblicata il 15 aprile scorso - la n. Z00028 - che consentiva al personale di accedere alle concessioni con finalità turistico ricreative su demanio marittimo e lacuale (ossia stabilimenti balneari marittimi e lacustri e chioschi di spiagge libere con servizi) e alle strutture ricettive all'aria aperta (campeggi), per svolgere attività di manutenzione, vigilanza, pulizia e sanificazione. 

Il provvedimento odierno, nello specifico, precisa che tra le attività consentite dall'ordinanza precedente sono comprese quelle di allestimento e manutenzione delle strutture amovibili di concessioni balneari e campeggi. Viene poi specificato che la pulizia potrà essere effettuata anche con mezzi meccanici e che la sanificazione potrà riguardare anche gli arenili. 

Inoltre, questo provvedimento prevede delle novità per quanto riguarda la cantieristica navale: sono autorizzate, in questo ambito, la "consegna di magazzino", le attività propedeutiche allo spostamento dei natanti dal cantiere all'ormeggio e quelle connesse, comunque finalizzate alla consegna dei natanti, previa comunicazione al Prefetto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutti gli interventi previsti dall'ordinanza dovranno essere realizzati, a tutela degli operatori, nel pieno rispetto delle disposizioni sanitarie nazionali e regionali vigenti, con particolare riguardo ai contenuti del "Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro", sottoscritto il 14 marzo 2020 fra il Governo e le parti sociali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Castel Sant'Angelo, in bilico sul cornicione del ponte a tre metri dal Tevere

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento