Coronavirus Manziana, guarita bambina di 9 anni: è la seconda del paese a battere il “mostro”

Nel comune sul lago di Bracciano restano 20 le persone contagiate dal virus e altre 29 risultano attualmente in quarantena. Il sindaco Bruno Bruni: "Restare a casa è l'unica cosa da fare"

Sono sette le persone guarite dal Coronavirus a Manziana, il comune sul lago di Bracciano nel quale la pandemia è scoppiata in una palestra con i contagiati da Covid-19 ad essere tutti riconducibili a quell’unico cluster, frequentatori del centro sportivo o loro familiari

Coronavirus Manziana, guarita bambina di 9 anni

Ieri ad essere guarite dal Coronavirus una donna di 42 anni e una bambina di nove, la seconda di Manziana, dopo una sua coetanea la settimana scorsa, a battere il “mostro”. 

“Sale a 7 il numero dei nostri Concittadini guariti dal Covid-19. Ed è davvero un sollievo e ancora più emozionante vedere uscire dall’elenco dei malati un’altra bambina” – ha commentato il sindaco di Manziana, Bruno Bruni

Coronavirus Manziana: i dati del comune sul lago

Dall’inizio dell’emergenza nel comune sul lago restano quindi 20 le persone contagiate dal virus e altre 29 risultano attualmente in quarantena, ma Manziana non abbassa la guardia. 

“Se da un lato siamo indubbiamente contenti di vedere finalmente salire il numero dei guariti, dall’altro nessuno di noi dimentica chi sta ancora lottando contro questo male. Finché il numero dei contagiati non si sarà azzerato, il nostro primo pensiero sarà sempre rivolto proprio a loro e a tutti i loro famigliari, con l’augurio di uscire presto da questo incubo”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, il sindaco di Manziana: “Restate a casa”

Poi l’invito rinnovato a restare a casa: “E’ l’unica cosa da fare in questo momento. Continuiamo a stringere i denti – l’esortazione del primo cittadino - e a mettere da parte energie utili per potere tra qualche tempo riprendere pienamente in mano le nostre vite e il nostro futuro”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento