Coronavirus Garbatella: 9 casi positivi nel palazzo occupato di piazza Pecile

Eseguiti tamponi e test sierologici sulle 107 persone che vivono nello stabile occupato dell'VIII Municipio

Sono arrivati i risultati degli esami eseguiti su tutti gli inquilini del palazzo occupato di piazza Attilio Pecile, alla Garbatella. Sale il numero delle persone risultate positive al nuovo Coronavirus.  

Il focolaio di Garbatella

L'immobile continua ad essere monitorato. Già dalla giornata di venerdì 12 giugno è partito il presidio delle forze dell'ordine.  E nella mattinata di sabato 13, davanti l'ingresso dell'immobile, sono state posizionate due pattuglie, una della polizia di Stato e l’altra della Polizia Locale.  All’interno dell'edificio intanto, ha fatto sapere la Asl Rm2 presente sul posto con i propri operatori, “sono stati eseguiti tamponi e test sierologici a tutte e 107 le persone che lo abitano”. 

Salgono i casi positivi

Nel primo pomeriggio del 13 giugno sono arrivati i risultati degli esami effettuati. Nel palazzo occupato di piazza Achille Pecile, la Asl Rm2 ha dichiarato ora la presenza di 9 casi positivi al nuovo Coronavirus. “Sono tutti trasferiti presso altre strutture dedicate; al momento – ha aggiunto l’azienda – non ci sono casi positivi all’interno della struttura”.

Il trasferimento negli alberghi Covid

All'interno dell'immobile, già nella giornata del 12 giugno, sono state predisposte le prime misure d'isolamento. Il secondo ed il quinto piano del palazzo sono stati sistemati per garantire alle persone che vi abitano di affrontare, in maniera sicura, la quarantena. Non tutti gli alloggi ricavati nell'edificio sono infatti dotati di servizi igienici e quindi, ci sono persone, che usufruiscono di bagni in comune. Per gli occupanti che versano in questa condizione, e quindi non hanno la possibilità di isolarsi in maniera adeguata, sono partiti i trasferimenti negli alberghi Covid della Capitale. 

La storia dell'occupazione

L’immobile di piazza Pecile è stato trasformato in un’occupazione nel corso dello Tsunami tour dell’aprile 2013. In quella circostanza decine di famiglie entrarono in possesso dell’edificio che, in precedenza, era stato una sede della Asl Roma C. Oggi, nell'edificio, abitano un centinaio di persone.

Articolo aggiornato il 13 giugno alle ore 14:15

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus Fiumicino, dopo ristorante chiuso un chiosco sul lungomare: positivi i titolari del locale

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi contagi, altri 8 a Fiumicino. Sono 827 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma 6 nuovi casi: positivi anche due senza fissa dimora. Nel Lazio 841 gli attuali contagi

Torna su
RomaToday è in caricamento