Coronavirus, l'autocertificazione per spostarsi: ecco come funziona

Dove si scarica, come si usa e quando serve. Tutto quello che c'è da sapere sulle nuove restrizioni alla mobilità individuale in tutto il Paese, Roma compresa

Controlli delle forze dell'ordine (Immagine generica, fonte Ansa)

Con il nuovo decreto di ieri, lunedì 9 marzo, il Governo Conte ha stabilito una serie di restrizioni agli spostamenti delle persone su tutto il territorio del Paese, Capitale compresa. Non esistono più le "zone rosse" ma un'unica "zona di sicurezza".

Cosa significa quindi, dove si può andare e dove no e come verranno fatti rispettare i divieti? Secondo quanto stabilito, e scritto nel decreto, va evitato "ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita", "nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità" o "per motivi di salute".

Per quali ragioni si può uscire

Lavoro, necessità, salute. Queste le ragioni per le quali gli italiani, e quindi anche i romani, sono invitati a uscire di casa. Altrimenti il messaggio è chiaro: restare a casa il più possibile. 

decreto-2

Come funziona l'autocertificazione

Come provare che sono queste le motivazioni quando si esce dalla città ma anche quando vi si circola all'interno? Tramite un'autocertificazione. Il modulo (SCARICABILE QUI) è stato messo a disposizione sul sito del ministero dell'Interno. Va compilato ed esibito al momento del controllo da parte delle forze dell'ordine. 

Se non lo si è portato con sè vi è comunque la possibilità di averne una copia fornita direttamente dalle forze di polizia, che poi dovranno comunque controfirmare il documento. Altrimenti chi non può scaricarlo e stamparlo può copiare il testo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosa si rischia se si violano le norme

Se i riscontri saranno negativi scatta la denuncia per inosservanza di un provvedimento dell’autorità che prevede l’arresto fino a tre mesi e una denuncia per reati dolosi contro la salute pubblica.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

Torna su
RomaToday è in caricamento