Psicosi coronavirus: passeggeri in viaggio con cittadini cinesi fermano pullman e richiedono controlli

Il conducente del bus costretto a fermarsi in un'area di servizio dell'A1 a Roma nord

I controlli a bordo del pullman fermo nell'area di servizio dell'A1

Psicosi coronavirus a Roma e nel resto del Paese. E' della mattina di venerdì 31 gennaio l'ultimo falso allarme. A fermare un pullman in un'area di servizio di Roma nord dell'autostrada A1, richiedendo l'intervento dei controlli sanitari, i passeggeri di un autobus che dall'aeroporto di Fiumicino doveva arrivare in Umbria. Lo scrive PerugiaToday. 

Costretto il conducente del bus a fermare il mezzo di trasporto, la procedura sanitaria per presunti casi di Coronavirus è scattata nell'area di servizio Feronia Nord. A far scattare la psicosi la presenza sul pullman di due cittadini cinesi con una mascherina sulla bocca. 

Scattate la procedura, il pullman è stato raggiunto dagli agenti della Centrale Operativa della Polizia Stradale con l'invio sul posto del personale del 118. I controlli sanitari sul pullman che doveva arrivare a Perugia hanno poi dato esito negativo. A confermarlo l'assessore regionale umbro alla Sanità Luca Coletto, con ulteriore conferma arrivata poi dalla centrale operativa del 118 Lazio che ha inviato nell'area di sosta dell'A1 il proprio personale per effettuare i controlli del caso.   

L'esito, come detto, è stato negativo, non ci sono segnali che possano ricondurre al contagio da coronavirus. Il pullman, dunque, è ripartito alla volta del capoluogo umbro dopo aver effettuato controlli a scopo precauzionale, in base al protocollo dell'unità di crisi attuato dal ministero della Salute dopo l'emergenza sanitaria nazionale resa pubblica dal Governo italiano.  

Per fortuna tutto è andato per il verso giusto e non ci sono rischi per nessuno e per nessun territorio. Da fonti sanitarie si apprende che la richiesta dei controlli è arrivata direttamente da alcuni passeggeri che alla presenza dei due cittadini cinesi con tanto di mascherina indossata, sono andati in preda al panico ed hanno chiesto l'intervento direttamente all'ignaro autista. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A quel punto sono intervenuti gli uomini della task-force sanitaria anti-contagio. Insomma una psicosi che è da mettere in conto dopo le preoccupanti notizie che vengono dalla Cina e le misure di sicurezza prese per arginare il coronavirus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 3635 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Sciopero a Roma: venerdì 29 maggio metro, bus e tram a rischio. Gli orari

Torna su
RomaToday è in caricamento