Cani e gatti in ospedale, nel Lazio ora si può: ecco la svolta animalista in regione

Nuove regole per le strutture pubbliche e private convenzionate

Immagine da Pixabay.com

Cani e gatti potranno entrare negli ospedali per alleviare la degenza dei propri padroni. E' quanto stabilito dalla regione Lazio con il nuovo regolamento "4 Zampe con te", linee di indirizzo che permettono l'accesso degli animali in visita ai pazienti ricoverati. 

Il regolamento, che ogni struttura sanitaria che attiverà il servizio dovrà integrare, prevede l’individuazione di aree appositamente dedicate in cui è autorizzato l’ingresso degli animali quindi aree esterne o giardini, sale apposite o d’aspetto, corridoi o terrazze (indicando espressamente le aree interdette all’accesso degli animali).

Saranno indicate con apposita cartellonistica negli ospedali in cui il servizio verrà attivato sia le aree individuate che gli orari di visita per gli animali che potranno accedere nelle strutture solo se muniti di Certificato sanitario di buona salute (non antecedente ai 7 gg.).

Con le nuove regole l’obiettivo è ridurre al minimo i disagi al regolare svolgimento dell’attività sanitaria della struttura e al contempo permettere l’accesso degli animali in visita ai pazienti con evidenti ricadute positive per il processo di cura. La Direzione sanitaria delle strutture individuerà un ‘team di operatori esperti’ che sarà formato per permettere il corretto svolgimento e gestione della visita.

"Per noi la salute dei pazienti è al primo posto. Ogni iniziativa che possa contribuire a migliorare la loro condizione per noi è di fondamentale importanza. Per questo abbiamo pensato - spiega il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – di mettere a disposizione delle strutture sanitarie del Lazio questo nuovo servizio. Il momento della malattia è una fase molto difficile da affrontare e avere al proprio fianco, oltre ai parenti e le persone care,  anche i nostri animali domestici è un fattore che può avere ricadute molto positive nel processo di cura e riabilitazione dei pazienti di qualsiasi età".

"La sanità vuol dire anche questo – ha concluso l’Assessore alla Sanità  della Regione Lazio, Alessio D’Amato – sicuramente attenzione alla qualità dei servizi offerti, ma anche all’umanizzazione delle cure. Permettere la visita dei nostri amati animali è importante per il malato perché può rappresentare un momento di felicità. E’ stato fatto un grande lavoro organizzativo per permettere l’attivazione di questo servizio e voglio ringraziare tutte le strutture sanitarie e il personale incaricato che permetterà di realizzare quello che fino a poco fa sembrava irrealizzabile".

Il primo ospedale dove il servizio ‘4 Zampe con te’ sarà attivato è il nuovo ospedale dei Castelli romani che aprirà i battenti a fine anno e dove è stata individuata un’area ad hoc per permettere la visita dei nostri amici a quattro zampe. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Bene, prima i cani e poi le persone

Notizie di oggi

  • Politica

    Ama, Giampaoletti spiega la cacciata di Bagnacani e sburgiarda Raggi: "Perfomance crollate nel 2018"

  • Politica

    CasaPound non si sgombera. Il Mef gela Raggi e sposa la posizione di Matteo Salvini

  • Attualità

    Roghi tossici, niente esercito nè telecamere: per la "Terra dei fuochi" romana solo promesse mai attuate

  • Cronaca

    Tor de' Schiavi: lite per un volantino, studente picchiato dal branco. Schiaffeggiata l'amica

I più letti della settimana

  • Roma, strade chiuse e bus deviati sabato 16 e domenica 17 febbraio: tutte le informazioni

  • Blocco auto a Roma. Troppo smog, martedì e mercoledì stop ai veicoli più inquinanti nella fascia verde

  • Manuel Bortuzzo: la forza di non arrendersi mai, inizia la riabilitazione. Il video messaggio

  • Bambina di 22 mesi in ospedale con traumi alla testa, è grave. Arrestato il compagno della madre

  • L'hotel Hilton assume 100 persone: selezioni a Roma, come partecipare e dove inviare il Cv

  • Bambina picchiata dal compagno della madre: morsi e ferite alla testa, resta in gravi condizioni

Torna su
RomaToday è in caricamento