Buche a Roma, il Comune risarcisce il primo automobilista: una ruota vale 760 euro

Pneaumatico distrutto e cerchione danneggiato. L'automobilista, costretto a chiamare il carro attrezzi, ottiene l'indenizzo. Codacons: "E’ arrivato il primo risarcimento per danni da buca nella Capitale"

Immagine di repertorio

La buca non segnalata in via della Solfarata a Santa Palomba è già costata a Roma Capitale 760 euro. E' questa la cifra che il Comune ha dovuto sborsare per risarcire  un automobilista del danno subito.

La vicenda

Lo scorso 5 marzo, all'altezza del km 9, il cittadino appena indennizzato era finito in una delle tante buche presenti nel territorio capitolino. In quel caso, la cattiva manutenzione dell'asfalto, aveva provocato la foratura della gomma anteriore sinistra ed il danneggiamento del relativo cerchione. La profonda frattura stradale non era segnalata in alcun modo e la scarsa visibilità, dovuta ad avverse condizioni meteo, non avevano consensito al guidatore di evitare l'impatto. La giornata del signor D.C., lo sfortunato automobilista, si è così conclusa con la chiamata del carro attrezzi. 

Le richieste d'indennizzo

La vicenda è stata denunciata alla Codacons che ha così potuto seguire la richiesta di indennizzo. I 760 euro  che la compagnia assicurativa ha riconosciuto a D.C. includono 119 euro di  spese legali, i restanti 641 invece sono per risarcire il danno subito. Nel frattempo prosegue l'iniziativa dell'associazione dei consumatori che ha portato all'attenzione del Tribunale Civile di Roma una class action. Sono infatti numerosi i cittadini che stanno chiedendo al Campidoglio un indennizzo economico per gli incidenti causati dalle profonde fessure presenti nell'asfalto.

I fondi per l'emergenza buche

In tema di manutenzione stradale,  il Governo gialloblu ha recentemente stanziato sessanta milioni di euro. Serivaranno a gestire l'emergenza buche con cui i romani, da tempo, sono costretti a convivere. I fondi non saranno gestiti direttamente dal Campidoglio. Come previsto da un emendamento alla legge di bilancio, saranno al contrario messi a bando dal Provveditorato interregionale dei lavori pubblici, vale a dire l'organo territoriale del ministero delle infrastrutture e dei trasporti.

Comune contro la class action 

Come scrive ancora il Codacons, nella memoria difensiva del Comune contro la class action dell'associazioni consumatori si legge testualmente: "la presenza su strade pubbliche di sconnessioni, avvallamenti e altre irregolarità non costituisce un evento straordinario ed eccezionale ma rappresenta, al contrario, una comune esperienza rientrante nell’id quod plerumque accidit e, dunque, deve essere tenuta ben presente dagli utenti della strada, i quali hanno l’obbligo di comportarsi diligentemente per evitare pericoli a se o ad altri”.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

  • Ecco il Salario Center: a Roma nord un nuovo centro commerciale

Torna su
RomaToday è in caricamento