Differenziata per locali e negozi: i nuovi bidoncini invadono i marciapiedi del centro

Sono i mini cassonetti del nuovo porta a porta a regime da metà dicembre. Il I municipio: "Serve soluzione alternativa"

Stanno spuntando accanto a tavolini e dehors, o peggio ancora affiancano i vecchi secchioni per la raccolta stradale. Di ultima generazione con tag e microchip per stanare i "furbetti" che non differenziano, i bidoncini della nuova raccolta porta a porta per le utenze non domestiche hanno un difetto difficile da ignorare, specie in piazze e vie del centro storico: occupano, voluminosi, il marciapiede. Appoggiati al muro o sul ciglio della strada, sono quattro per ogni esercizio commerciale, come le frazioni che i negozianti devono separare. Fanno parte del nuovo kit consegnato dalle quattro ditte esterne che hanno vinto il bando per il servizio, prima in capo direttamente ad Ama, partito da poche settimane e a regime da metà dicembre.  

Finora i titolari di bar, locali e ristoranti lasciavano sacchetti, carta e plastica a fianco dei normale cassonetti stradali a degli orari di passaggio prestabiliti (non sempre rispettati, con conseguente accumulo di immondizia in strada). Il modello Raggi promette di ampliare la mappatura delle utenze coinvolte (85mila contro le 20mila del servizio precedente), di incrementare i passaggi degli operatori e di innalzare così la percentuale di rifiuto differenziato. Ma sorge un problema non da poco: i bidoncini del porta a porta dove si mettono? "Molti negozianti non hanno spazio sufficiente" spiega Claudio Pica, presidente della Fiepet Confesercenti Roma. E non solo, "tenere dentro l'umido può creare problemi sul piano igienico sanitario". 

Fuori però sarebbe vietato dalla normativa sull'occupazione di suolo pubblico. E i vigili potrebbero multare, a ragione, gli esercenti. "Abbiamo parlato con la Polizia locale chiedendo un momento transitorio di tolleranza, nel frattempo Ama e le ditte private ci hanno assicurato di cercare soluzioni diverse, tarate sui singoli casi". Ad esempio, bidoncini di dimensioni adeguate agli spazi interni. Anche perché, altro problema ancora, i sacchetti consegnati insieme ai secchi, in più di un caso, sono risultati troppo piccoli rispetto al contenitore. Un gran pasticcio. 

A chiedere aiuto all'azienda partecipata dei rifiuti anche il I municipio, sollecitato dai negozianti. "Il sistema va a regime il 14 dicembre e ancora non si sono visti cambiamenti sotto questo aspetto, stanno dando bidoncini troppo grandi per molte attività commerciali del centro storico" commenta l'assessore all'Ambiente di via della Greca Anna Vincenzoni. "E' stato fatto un censimento sul numero di ristoranti ma se non si è valutata la grandezza avrebbero potuto anche non farlo". Anche perché, con ulteriori contenitori di immondizia sui marciapiedi, talvolta scambiati da cittadini e turisti come normali bidoni di conferimento, è un po' come avere una seconda raccolta stradale ordinaria.

A puntare il dito contro i nuovi mini cassonetti che stanno invadendo le vie da Trastevere all'Aventino anche Viviana Di Capua, presidente dell'Associazione abitanti del centro storico. E con una lettera al Prefetto e al Questore di Roma ha sottolineato accanto al fattore decoro anche quello sicurezza. "Le norme che regolavano l’attenzione per l’antiterrorismo furono tali da vedere ritirati tutti i contenitori di ghisa - si legge nella lettera - utili alla raccolta rifiuti nelle strade, collocando al loro posto trespoli con buste trasparenti, ci chiediamo come si possa ora derogare a quanto disposto". 

cassonetti4-2


 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • Capire qual'è la situazione giusta per risolvere il problema dei rifiuti, appare difficoltoso , cosa fanno i Stati dove tutto funzione in detta materia ? E' possibile imitarli ? Ci sono nazioni con città che hanno le caratteristiche di Roma ?

    • E' facile, dove la cosa funziona di notte a chiusura le attivita' lasciano i sacchetti fuori in ordine sul marciapiede a poi passa la camionetta a ritirare il tutto..un po' come era prima de sti stupidissimi bidoncini...la GROSSA differenza e' che dove sto sistema funziona la camionetta a prendere i sacchetti ci viene sempre ed e' puntuale, qui veniva a cavolo, quando ie pareva e i sacchetti s'accumulavano, se spargevano, arrivavano topi e gabbiani, etc, etc....quindi stiamo sempre li', se poi sei una ditta incapace e non sei in grado di mantenere gli impegni puoi inventarti tutti i sistemi che vuoi, anche il migliore possibile, ma comunque non funzioneranno mai....e' talmente ovvio...

      • eh già

  • ma cosa ti dice la testa,con 20 mq di negozio nn si puo mettere dentro,punto!

  • se non hai spazio dentro lo trovi, non è che se non ho spazio per la lavatrice in casa la metto sul marciapiede...

    • si ma non basta dire 'facciamo la differenziata' e poi lasciare nel disagio gli utenti...quindi dovrei lasciare i rifiuti all'interno del mio ristorante?mi sembra lo stesso discorso delle occupazioni...intanto io sgombero,poi sti cavoli di dove vanno a finire coloro che occupavano.MA RAGIONATE?

  • Stamattina, un commerciante ha svuotato un intero bidoncino nei cassonetti normali....gli zozzoni trovano sempre un metodo, servono leggi speciali!!

    • servono anche leggi speciali per chi raccoglie...se non ritirano la differenziata dove la butto la roba?accatastiamo sui marciapiedi ma si...io pure quando vado a buttare la carta o la plastica se i rispettivi contenitori sono pieni button tutto nella indifferenziata..che dovrei fare?Aspettare con il sacchetto in mano che svuotino il secchione?E poi un'ultima considerazione...perche' invece di pagare di meno si paga di piu'?Sapete che i materiali riciclabili vengono venduti?Lo sapete che a Instambul si puo' pagare il biglietto dei mezzi con la plastica da buttare?

      • magari scrivo istanbul....

  • Non può essere questa la soluzione migliore per il centro di Roma e per gran parte del resto della città. Non voglio pensare a cosa accadrà nei condomini di 30 appartamenti...

Notizie di oggi

  • Politica

    Rifiuti, la Roma a Cinque Stelle prigioniera dei no: la resa alle proteste dei territori blocca le soluzioni

  • Attualità

    Metro A: la stazione Barberini riaperta completamente, Spagna solo in uscita

  • Incidenti stradali

    Incidente a Tor di Quinto, con l'auto contro un albero: morto un 28enne

  • Politica

    "Piano pullman è grande rivoluzione. Ora per il Centro valutiamo Ztl fino alle 20"

I più letti della settimana

  • Neve e gelo, Roma si prepara: ecco le istruzioni della sindaca Raggi

  • Metro A: guasto agli impianti, chiuse le stazioni Barberini e Spagna

  • Mercatini di Natale a Roma: tutti quelli da non perdere

  • Ubriaco perde il controllo dell'auto e finisce sulla scalinata di piazza di Spagna

  • Blocco traffico Roma: domani stop ai veicoli più inquinanti ed ai diesel euro 3

  • Incendio via Salaria: bruciano i rifiuti del TMB, nube di fumo su tutta Roma

Torna su
RomaToday è in caricamento