Campidoglio, stanziati 800mila euro per le aree giochi: per le più degradate arriva la ruspa

Roma è destinata a rinunciare al 10% delle aree giochi attualmente presenti. Il nuovo bando però destina fondi anche per migliorare una settantina di quelle già esistenti

A Roma ci sono circa 450 aree giochi. Sono così tante che il Comune non riesce nemmeno a censirle. L'ultimo monitoraggio, conclusosi, nel 2017, ha infatti permesso di verificare le condizioni  in cui versano solo 250 spazi ludici. E la fotografia, che genitori e bambini conoscono bene, non è incoraggiante.

Le risorse a disposizione

Per far fronte ai tanti problemi che spesso i residenti segnalano, l'amministrazione capitolina ha deciso di ricorrere ad un bando. Sul piatto ci sono 794 mila euro, 173mila dei quali destinati al pagamento della manodopera. Con i fondi restanti, l'azienda che si aggiudicherà l'appalto, dovrà dedicarsi ad un centinaio di aree giochi.

Il monitoraggio

Le criticità in merito allo stato di conservazione sono note. Le attrezzature, per vetustà o per l'azione dei vandali, sono spesso ammalorate. Talvolta in maniera irrecuperabile. Per questo l'amministrazione ha provveduto a classificare le aree giochi, dividendole in base al valore economico ed a quello ludico. Il secondo aspetto è in sostanza legato alla posizione ed alla fruizione dell'area. Si tratta di variabili da prendere in considerazione se le risorse sono poche e si deve decidere come investirle.

Addio a 44 aree giochi

Il programma del Campidoglio, verificate le condizioni della metà degli spazi ludici disponibili, è quello di procedere ad una "dismissione controllata di una serie di aree" si legge nella relazione tecnica che accompagna il bando. Le ruspe quindi ne andranno a demolire 44, vale a dire il 10% di quelle presenti sul territorio cittadino. Altre invece, non ancora così degradate, saranno interessate da interventi di manutenzione straordinaria ed ordinaria. 

Tempi e obiettivi

Sul piano dei tempi, si legge nel bando che ci vorranno circa 12 mesi. Il conto alla rovescia però non parte dall'assegnazione dell'appalto, bensì dalla consegna della fornitura. L'obiettivo, a regime, è di rendere fruibili circa 70-75 aree tra quelle che, finora, l'amministrazione ha monitorato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento